LOG-IN

Workshop "La voce delle cose"

Workshop "La voce delle cose"

07/05/2016 - 10:00 to 08/05/2016 - 16:00

Gruppo 5_Progetti per l'infanzia presenta il workshop
"La voce delle cose – Autoprogettazione di un gioco"

/ Sabato 7 e domenica 8 maggio c/o Opendot h 10-18
Iscrizione al workshop a questo link
Il workshop a cura di Opendot, Ruggero Poi (Vice Presidente di Fondazione Montessori Italia) e Michela Dezzani (Fondatrice di Munaria) si propone di creare gruppi di lavoro multidisciplinari di progettisti, educatori e genitori che, sotto la tutorship di esperti provenienti dai mondi dell’educazione, della progettazione e fabbricazione digitale, saranno in grado di realizzare prototipi di giochi. 

/ Obiettivi
Da una parte l’acquisizione di competenze teorico-metodologiche riguardanti il gioco educational, dall’altra lo sviluppo progettuale del concept e la prototipazione rapida del gioco stesso.
1. Acquisizione di competenze metodologiche
ll gioco è affar serio: tra Montessori e Munari, il metodo del design
- Principi di interattività ludica, il significato della regola e il suo sviluppo all'interno della dinamica di gioco
- Le fasi del gioco in relazione al target di età
- I materiali per il gioco secondo il metodo Munari e Montessori e i materiali per la fabbricazione digitale
2. Acquisizione di competenze progettuali
Dall'idea di un gioco a un concept di progetto
- Progettare per il Rapid Prototyping
- Disegnare per la fabbricazione digitale

/ Target
Il workshop è indirizzato a diversi soggetti:
- Designer progettisti interessati ad approfondire la tematica della progettazione di un gioco
Educatori interessati alla tematica del gioco, alle metodologie pedagogiche e di co-progettazione
Genitori interessati a sviluppare concept di giochi declinati su specifiche necessità (bambini con disabilità, bambini con disfunzioni e disturbi - dislessia, daltonismo, disgrafia, disturbo dell'attenzione, etc)
- Sperimentatori interessati allo sviluppo di workshop tematici all'interno di un Fab Lab

I designer interessati ad approfondire durante il workshop un'idea di gioco su cui stanno già lavorando, sono invitati a preparare una slide che presenti il loro progetto da presentare in un pitch di 3 minuti durante il primo giorno di workshop. A questo link trovate una scaletta che vi aiuterà a riportare le informazioni utili per raccontare il vostro progetto di gioco. La slide andrà inviata a info@opendotlab.it entro mercoledì 4 maggio.

/ Programma della due giorni
- Giorno 1
Esplorazione ludica del gioco
Presentazione programma attività
Lecture introduttiva a cura di Ruggero Poi "Il gioco è affar serio: tra Montessori e Munari, il metodo del design"
Coffee break e mostra giochi
Sounds cups / attività di ice-breaking a cura di Opendot
Esplorazioni hands-on visuali, tattili e sonore a cura di Michela Dezzani
Light Lunch in Opendot offerto da Gruppo 5
Da una Game Idea a un Game Concept
Pitch facoltativo proposte di game ideas
Formazione gruppi di lavoro e brainstorming
Pitch di Game Ideas
Feedback e definizione Game Concept
Paper prototyping
- Giorno 2
Dal paper prototyping al modello digitale
Introduzione alla fabbricazione digitale e all'uso di Laser Cutter, Vinyl Cutter, Stampante 3D
Dal modello digitale al prototipo fisico
Progettazione e fabbricazione giochi (supporto a cura di Opendot)
Tutorship metodologica a cura di Ruggero Poi e Michela Dezzani
Pitch progetti finali
Feedback e documentazione

/ About
Il workshop "La voce delle Cose - Autoprogettazione di un gioco" è un progetto del Gruppo 5, che nasce dalla sinergia di Ruggero Poi (già Fondazione Montessori e Associazionedidee), Michela Dezzani (già fondatrice di Munaria) e Opendot (Fab Lab milanese e laboratorio di ricerca nato dallo studio di progettazione dotdotdot). Il nome 5 si ispira alle 5 dita della mano: ogni attività progettata da 5 infatti associa il pensiero all’azione della mano. Un nuovo modello multidisciplinare in cui la cultura del fare unisce design, tecnologia, formazione con l’obiettivo di rispondere ai bisogni reali delle famiglie e di rendere ambienti e città sempre più a misura di bambino: accessibili, accoglienti, inclusivi. A unire temi ed esperienze tanto complessi è una nuova realtà denominata "5_Progetti per l’infanzia": un gruppo di ricerca con lo sguardo sul mondo dell’infanzia basato sulla partecipazione attiva, sulla condivisione, sull’apprendimento informale in cui cadono ruoli e modelli tradizionali.

/ Costi
Il costo del workshop di due giorni è di 170€, comprensivo di un kit di materiali messi a disposizione (carta, cartone ondulato, MDF, multistrato in pioppo, perspex, filamento per stampante 3D, vinile adesivo). È possibile portare materiale specifico da casa purchè sia compatibile con i macchinari che utilizzeremo, ovvero laser cutter, vinyl cutter, stampante 3D.

Per ulteriori informazioni scriveteci a: info@opendotlab.it 
 

Media Partner

GG Magazine – la rivista delle famiglie eco e slow. 
Una città a misura di bambino è una città più bella per tutti, anche per gli adulti.

Docenti: 
Ruggero Poi, Michela Dezzani, Opendot